Un fumetto, un video e una poesia. Tre donne vincitrici, giovani o giovanissime. Sono andati a Mariarosa Nenna, Sofia D’Agostino e Irene Catalbiano i primi tre premi del concorso “Universalità del simbolo della bandiera europea” indetto da Regione Lazio e Aiccre Lazio in occasione di “Arf!”, il festival del fumetto che si è svolto dal 24 al 26 maggio all’ex Mattatoio di Testaccio a Roma.

A premiarle l’assessore regionale allo Sviluppo Economico Gian Paolo Manzella e Marta Leonori, rispettivamente presidente e segretario generale AICCRE Lazio.

Anche quest’anno Regione Lazio ha voluto partecipare con un proprio stand al festival per proseguire una strategia che si è già sviluppata nel sostegno ad altre manifestazioni di settore, nella pubblicazione dei volumi sulla scena del fumetto regionale e nella presenza, nel 2016 e nel 2017, al festival internazionale di Angouleme.

Un impegno concreto nei confronti di un settore importante delle industrie creative che ha nel Lazio eccellenze come Paolo Eleuteri Serpieri e Massimo Rotundo, due maestri tra i tanti della generazione precedente a quella di Zerocalcare e Sara Pichelli, centri di formazione come la Scuola Romana del Fumetto e la Scuola Internazionale di Comics, case editrici specializzate come Aurea, Comicout e Tunué e esperti come Luca Raffaelli.

“Crediamo molto nel fumetto: alla sua forza economica, al dialogo tra discipline che apre e alle sue potenzialità per veicolare messaggi, anche per le pubbliche amministrazioni”, ha commentato l’assessore allo Sviluppo Economico della Regione Lazio Gian Paolo Manzella.

“Per me queste sono occasioni di incontro importanti, perché fanno capire cosa può accadere quando politica e fumetto si incontrano, come nel caso della “riscoperta” della bandiera europea – ha proseguito Manzella – Complimenti ad “Arf!”, un gruppo di professionisti del settore che ha iniziato questa avventura e continua a portarla avanti con la forza della qualità”.

“Quella europea è una bandiera che include, che rappresenta tutte e tutti. Lo sono le 12 stelle, lo è il blu dello sfondo, che rappresenta il cielo, ma che oggi abbiamo immaginato possa rappresentare anche il mare – ha poi spiegato Marta Leonori – Perché, come ha detto oggi uno dei bambini presenti: oggi abbiamo parlato di cose serie e importanti, ma con il fumetto l’abbiamo fatto come se fosse un gioco”.

 

MARIAROSA NENNA | PROGETTO GRAFICO

 

 

SOFIA D’AGOSTINO | PROGETTO VIDEO

IRENE CATALBIANO | TESTO IN PROSA

 

Leave a Comment